Pubblicato in: Eventi a Londra, Londra, Bellezza e Dintorni

Questo mese ho…Gennaio (01)

31 Gennaio 2016

Questo Mese Ho...
Questo Mese Ho…

Anche Gennaio è arrivato alla fine e dire che mi sembra ieri che stavo in Sardegna a festeggiare il Natale!

In linea con quanto annunciato con i miei posts di buoni propositi per il 2016, questo mese ho fatto diverse cose e devo dire che è stato molto pieno e intenso, nonchè gratificante. Ho pensato di condividere con voi le mie esperienze e se avete fatto le stesse cose, possiamo parlarne e condividere opinioni. Se mi seguite sui socials avrete di certo già  visto cosa mi ha tenuta occupata a Gennaio, siete curiose? Eccovi Questo mese ho…edizione Gennaio 2016.

Per cominciare, essere in forma e fare più movimento è uno degli obiettivi del 2016. Sono andata in palestra alcune volte, ho provato a camminare di più e a fare le scale. Purtroppo per una serie di ragioni mi stanco subito e sono subito senza fiato, quindi gli esercizi che facevo un tempo non posso più farli con regolarità  e mi riferisco a Body Combat, il mix di arti marziali, che adoro. In compenso ho ricominciato a fare yoga, tai chi e Body Balance ( un mix di pilates, yoga e stretching a ritmo di musica). Riprendo con piacere il viaggio cominciato e interrotto. Spero di fare molti progressi. Se vi può interessare, le classi Body Combat e Body Balance sono del gruppo LesMills e si trovano in diverse palestre autorizzate.

Body balance

Socializzare non è passato nel dimeticatoio. Vi assicuro che incontrare amiche e amici a Londra non è cosi’ semplice come possa sembrare, anzi richiede una pianificazione a livello di organizzazione di business meetings. In altre parole richiede almeno due settimane di preavviso e planning! Questo mese però ci sono riuscita, e infatti sono andata in diversi pubs e vari ristoranti e sono anche andata a fare l’afternoon tea al Portrait Gallery nei pressi di Trafalgar Square ( Adoro l’afternoon tea!!). Eccovi alcune foto. L’afternoon tea è una tradizione tipica Inglese che rappresenta un vero e proprio pasto pomeridiano. È servito in genere con sandwiches, tartine e i famosi scones (direi piccoli panini semplici o con l’uva sultanina) da mangiare con marmellata o crema clotted cream. A richiesta si aggiunge anche un bicchiere di champagne o di Bellini. Esistono diversi luoghi a Londra dove fare l’afternoon tea. La scelta ricade sempre sulla zona dove si vuole andare, il budget e anche la struttura/edificio dove prendere il the. Di solito io preferisco farlo in uno dei tanti alberghi 5 stelle di Mayfair e dintorni, ma esistono anche tanti caffetterie come Patisserie Valerie, Caffe Concerto o anche ristoranti che offrono un servizio eccellente. Io in genere scelgo locali con vista da qualche parte di carino.  Se vi interessa un articolo più dettagliato, fatemi sapere, sono una esperta in materia perchè adoro fare l’afternoon tea!

20160124_154028 20160124_160414

 

 

20160124_17354220160124_160305 20160124_155354

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra un weekend e l’altro sono riusciata a vedere alcuni film che avevo in mente da tempo. Questi sono:

  • Joy, di David O. Russell, con Jennifer Lawrence. È la storia di una donna comune, con il pallino per le invenzioni. Diventa milionaria vendendo un innovativo mop per lavare i pavimenti. Secondo me una storia di determinazione, di successo nonostante le difficoltà della vita, gli ostacoli e tutti i problemi che ogni giorno ci circondano. Se volete una sorta di ispirazione, questo fa per voi!
  • Suffragette di Sarah Gavron, con Carey Mulligan e Helena Bonham Carter. Il Movimento delle Suffragette mi ha sempre interessato, sin da quando studiavo Storia, a scuola. Se penso alla loro lotta, penso a tutte le lotte per i propri diritti che sono state combattute e ancora si combattono per vederli rispettati. Quello del voto alle donne che oggi sembra sia scontato, è un risultato e una conquista che non si dovrebbe mai dimenticare e si dovrebbe estendere a tutte le donne del mondo! Ecco perchè io voto, perchè la loro lotta non sia stata invana. Il film è da vedere, fatto da sole donne, per tutti.
  • The Bridge of Spies di Steven Spielberg con Tom Hanks. Neanche stavolta si smentisce, Steven Spielberg è davvero un regista come si dice. Il film è una storia vera, che tratta dello scambio di “spie” durante le Guerra Fredda tra la vecchia URSS e gli Stati Uniti. Tom Hanks interpreta un avvocato americano con una capacità di negoziazione incredibile che contribuisce a liberare due prigionieri americani. Non è solo la rappresentazione di un periodo storico, ma anche il lato umano in situazioni di tensione. Da non perdere.
  • The Danish Girl di Tom Hooper con Eddie Redmayne e Alicia Vikander. È un film che si addice a questo periodo in cui i movimenti di riconoscimento dei diritti dei LGBT in fatto di famiglia e figli sono più attivi. È la storia di Einar Wegener, un pittore danese, e di sua moglie. Lui scopre di essere una donna intrappolata nel corpo di un uomo e per questo decide di farsi operare per cambiare sesso, per questo è il pioniere dei transgender movement. La rappresentazione, la storia, la recitazione di entrambi gli attori principali, l’attenzione per i dettagli, la fotografia sono fantastici. La storia può interessare o meno, dal punto di vista artistico, è di sicuro da vedere.
  • La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino con Toni Servillo. Qui non saprei come commentare, penso che sia un film da vedere, ma non da ricordare.
  • Spotlight di Tom McCarty con Michael Keaton e Rachel McAdams. È la storia ambientata negli anni ’90 che tratta di come il team di reporters investigativi di Spotlight del Boston Globe, indagano e riportano alla luce i casi di abusi sui bambini di famiglie con problemi da parte dei sacerdoti della Chiesa Cattolica di Boston. Lo consiglio a tutti a prescindere dalla religione perchè è sempre bene non pararsi gli occhi!

Ho rivisto anche The Thief Book e spero di vedere qualcosa di più a Febbraio. Sto anche seguendo una serie di avventure del giovane Montalbano che trasmettono ogni sabato sera su BBC 4. Io adoro Montalbano, mi fa davvero morire!

Continuando con le attività  di Gennaio, con mio marito, abbiamo visitato un’esposizione d’arte molto particolare che si chiama London Lumiere,  di cui vi avevo parlato qui. Consiste in una serie di esibizioni da parte di artisti in alcune zone di Londra, tra Kings Cross e Bond Street. È una iniziativa molto interessante. L’evento era gratuito e si svolgeva su 4 giorni con percorsi stabiliti e blocchi stradali annessi, nonche caos da troppo affollamento. Eccovi alcune foto qui sotto per condividere con voi questo momento.

London Lumiere 01 London Lumiere London Lumiere Map London Lumiere 03

Abbiamo approffittato per vedere il National Portrait Gallery poco prima di soffermarci per l’afternoon tea. Non ho molto da dirvi, ma vi metto qui sotto alcune fotografie che ho scattato.

National Portrait - Duchess of Cambridge

Sono ritornata alla lettura e questo mese ho terminato Chirù di Michela Murgia, Il Magico Potere del Riordino di Marie Kondo e infine La storia del cane che insegno la Fedeltà  ad un Bambino di Luis Sepulveda. Luis Sepulveda non si smentisce mai, la sua ultima storia è da non perdere, per i più piccini ma soprattutto per i più grandi. Se all’inizio sono stata un pò scettica sul libro di Marie Kondo, alla fine mi sono convinta. Ho capito che Marie con il suo metodo Konmarie è più OCD ( Obsessive Compulsive Disorder) di quanto non lo sia io. Qualche spunto interessante per il  riordino ve lo da. Michela Murgia invece è stata una piacevole riscoperta, dopo S’Accabbadora. È un’autrice sarda che ambienta questa storia di legami e relazioni in Sardegna appunto. Psicologicamente impegnativo e con molti spunti per la riflessione.  Ve li consiglio tutti.

Infine sono andata a teatro a vedere lo show The Woman In Black.Ho trovato i biglietti scontati e allora ne ho approffitato. Probabilmente di questo avrete letto il libro o visto il film ( Ultima versione con Daniel Radcliffe), ma la versione teatrale è tutta una altra storia. I due attori Tom Godwin e Christopher Godwin tengono lo stage e la suspence è davvero alta fino alla fine. È recitato al Fortune Theatre di Covent Garden. Se venite a Londra e amate un pò di horror, questo fa per voi!

The Woman in Black
The Woman in Black

 

Dulcis in Fundo, l’avvenimento più importante di Gennaio 2016 e che ricorderò per sempre è che sono diventata zia, per la prima volta da parte dei miei siblings. Pura felicità !

Insomma, Gennaio si può dire di essere stato abbastanza ricco e pieno di attività  e spero che continui nel tempo.

Londra è davvero una città  vibrante con tante opportunità . Di certo non ci si annoia mai, o almeno io non ho il tempo per farlo!

E voi come avete trascorso il vostro Gennaio? Novità  in arrivo?

Ciao Stelline alla prossima e grazie per aver letto l’articolo.

 

Laura

 

Autore:

Un'appassionata di bellezza a Londra. Vi porterò a conoscere il mondo della bellezza londinese, dalle innumerevoli possibilità di scelta su prodotti, accessori, negozi, centri di bellezza parlando anche un pochino di gossip. Per tutte le Italiane e non che sognano e amano Londra. Per tutte coloro che ci vivono stabilmente o ci verranno di passaggio.

7 pensieri riguardo “Questo mese ho…Gennaio (01)

  1. Mi hai fatta sognare per tutto l’articolo! Insomma, adoro scones e afternoon tea, voglio vedere Joy e The Danish Girl, sono tentata dal libro di Marie Kondo ma penso che mi renderebbe ancora più OCD di quanto già non sia 😀 mamma mia quante belle cose hai fatto!

    Liked by 1 persona

  2. Dimmi la verita: hai un giratempo! Come hai fatto a fare tutto questo in un mese? Io non sono nemmeno riuscita a finire un libro che ho iniziato a gennaio……in compenso sono andata al cinema, ho ripreso la mia “ginnastica delle vecchiette”, ho fatto shopping ai saldi, sono andata a vedere un fiera di arte a Piacenza ed ho approfittato per vedere la città, ed ho provato un ristorante Thay aperto da poco. Nessun nipotino…ma immagino la tua gioia è quella dei genitori.
    Aspettiamo febbraio!

    Liked by 1 persona

  3. Wow quante belle cose!! Leggere il tuo post è stato come teletrasportarmi… Ho letto anche io Chirù e La storia del cane che insegnò la fedeltà a un bambino. Intelligente, crudele e commovente il primo; intenso e suggestivo il secondo. L’emozione di diventare per la prima volta zia la sperimenterò a breve ❤ ❤

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...