Belle Stranezze: Verde come….

 

13 Giugno 2016

 

Things are’nt always what they seem. Sometimes you have to kiss a few frogs before you find your own prince” Poppy King, Lipstick Queen Founder.

Questo è lo slogan con cui la fondatrice di Lipstick Queen lancia la nuova linea di prodotti Frog Prince di cui vi parlo oggi nella rubrica Belle Stranezze, che finalmente ritorna dopo qualche settimana di silenzio!

La linea Frog Prince consiste in una serie di prodotti per lo più lipstick, lipgloss e blush.. verdi. Si, avete capito bene, di un bel verde smeraldo, intenso che cambiano colore in base al Ph della pelle di chi li porta.

Continua a leggere “Belle Stranezze: Verde come….”

Annunci

Belle Stranezze: Unghie…col Pelo

7 Marzo 2016

Questo più che una bella stranezza si può definire come una bella schifezza ( scusate l’espressione poco fine) e secondo me proprio non si può guardare.

Si tratta del nuovo trend di unghie col pelo, creazione di Jan Arnold, direttore artistico e co-fondatore di CND – Creative Nail Designs, proposto durante le sfilate della New York Fashion Week per la stagione autunno-inverno 2016.

Continua a leggere “Belle Stranezze: Unghie…col Pelo”

Belle Stranezze: Yoga …con benefits!

 

16 Gennaio 2016

Belle Stranezze
Belle Stranezze

Primo appuntamento dell’anno per la rubrica Belle Stranezze, in cui vi parlo di fatti, avvenimenti, prodotti e in generale bizzarrie nel mondo della bellezza. Se volete leggere l’articolo introduttivo eccolo qui.

Belle Stranezze

Tra le tante cose che faccio, amo praticare yoga, non solo come attività fisica ma soprattutto per la calma interiore e la generale sensazione di benessere che mi dà. La prima bella stranezza dell’anno è legata a questa pratica. Curiose?

Continua a leggere “Belle Stranezze: Yoga …con benefits!”

Belle Stranezze: Particolarità da provare

 

29 Dicembre 2015

Belle Stranezze
Belle Stranezze

La fine dell’anno è vicina, quindi è ancora tempo di bilanci. Non posso non includere in questa categoria la mia rubrica preferita di Belle Stranezze. Qui vi segnalo alcuni strani oggettini e prodotti che ho scoperto durante l’anno, alcuni li ho già acquistati altri sono nel “cestino wishlist”.

Ovviamente sono oggetti particolari che suscitano un pò di curiosità, spero vi piacciano. Eccoli di seguito.

Continua a leggere “Belle Stranezze: Particolarità da provare”

Belle Stranezze: Le Iniezioni per dare volume al seno

 

21 Novembre 2015

Belle Stranezze
Belle Stranezze

Qualche settimana fa, vi ho presentato nella categoria Belle Stranezze, un trattamento molto particolare per estendere il risultato della messa in piega con il cosidetto Blow-tox, se lo avete perso eccovi il link qui.

Oggi vi parlo invece di qualcosa di simile, altrettanto suscettibile di commenti negativi e che ovviamente è diffuso nel mondo Hollywoodiano. Si tratta di un tipo di trattamento per sollevare e aumentare temporaneamente di una taglia il seno. Questo effetto avviene tramite l’iniezione di una soluzione salina nei tessuti della pelle del petto. La soluzione salina rende il seno più grande ma l’effetto dura solo 24 ore perchè poi il liquido è riassorbito ed eliminato dal corpo. Il costo è di 1600£ per circa 20 minuti di trattamento. Come conseguenza, si possono avere ovviamente lividi, perdita di tatto e sensibilità al seno, dolori vari e nella peggiore delle ipotesi anche infezioni, traumi, rottura della borsa contenente il liquido. Si dice che presto verrà approvata anche qui a Londra!

A quanto pare, questa pratica non è una novità e qualcosa di simile era già diffusa qualche anno fa. Infatti per coloro che avessero voluto avere un seno più grande senza ricorrere alla chirurgia plastica, potevano farsi iniettare una sostanza in gel a base di silicone, chiamata Macrolane, che ha una durata più lunga di circa 18 mesi. Ho letto che l’uso del Macrolane ha avuto reazioni diverse tra i medici ed esperti del settore, appunto da bannare questa pratica qui nel Regno Unito. La ragione è che il Macrolane può avere delle conseguenze nelle mammografie. Nei test al seno può “nascondere” potenziali casi di tumori, quindi i rischi possono essere davvero molto, troppo alti per rischaire. Nonostante questo, però, il Macrolane è ancora utilizzato per aumentare il volume del fondoschiena, rendere più corposi braccia e polpacci, senza ricorrere a chirurgia plastica vera e propria. Ho visto diverse cliniche che lo effettuano qui nel caso vi possa interessare.

Per fortuna non ho bisogno di questi strategemmi, ma a prescindere, passo anche stavolta! Ciao Stelline alla prossima e grazie per essere arrivate fino a qui! Laura

Belle Stranezze: Blow-Tox

17 Ottobre 2015

Belle Stranezze

Se penso al Botox penso a Samantha Jones, di Sex and the City e alla scena in cui risponde alla domada di Carrie “Ho una decisione importante da comunicarlti!” e, Samantha risponde  “ O tesoro, hai deciso finalmente di farti il Botox!”.

A parte questa reminescenza della mia serie cult tv di sempre, oggi vi parlo di un’altra bella stranezza, associata al botox, o meglio il cosidetto blow-tox.

Se il botox è la serie di iniezioni sul viso che serve a coprire le rughe e dare al viso un aspetto più giovanile, praticamente congelando la faccia impedendone ogni movimento naturale, il Blow-tox ha lo stesso presupposto, ma si effettua non sul viso, ma sul cuoio capelluto! Si, avete capito bene, botox in testa!

Anche in questo caso ci saranno delle iniezioni, probabilmente troppe, non sul viso ma nel cuoio cappellutto e sull’attaccatura dei capelli. Le iniezioni inibiscono i pori e le ghiandole sebacee, riducendo la produzione di sebo appunto. In questo modo la messa in piega durerà più a lungo. Il Blow-tox serve a mantenere la piega dei capelli più a lungo.

Questa non può che essere una trovata da LA e indovinate un po chi ne è fan? Si lei Kim Kardashian in persona!

Dire che il suo costo è basso, è un eufemismo, parliamo infatti di  2400£ a trattamento.

Non so voi, ma io passo, preferisco continuare a lavare i capelli ogni due- tre giorni come faccio ora!

Ciao Stelline alla prossima

Laura

Belle Stranezze: Instinctive Bleeding

26 Settembre 2015

Belle Stranezze

Tra tutte le stranezze che vi ho presentato fino ad ora, a mio parere, questa le batte tutte in fatto di  bizzarria e stranezza appunto.

Questa viene stavolta non dal mondo anglosassone, ma dalle cugine d’Oltralpe, e soprattutto da una vlogger conosciuta come Les Cheveux de Midi, il cui video vi ripropongo qui. La sua campagna implica la presa di coscienza e consapevolezza del cosidetto Instinctive Bleeding. In altre parole è una campagna di promozione per eliminare l’uso di assorbenti e tamponi durante il ciclo mestruale, in virtu’ di un controllo psicologico e anatomico del proprio corpo e per un flusso più libero e istintivo appunto.

Partendo dal presupposto che durante il ciclo mestruale non si sanguina continuamente ma a intervalli, con questa pratica si controlla il flusso, in modo da bloccarlo quando non si è pronte e da “liberarlo” solamente al momento giusto, quando ci si siede nel WC, presumo.

Si parla non solo di controllo psicologico ma anche fisico. Esercitando dei movimenti e delle contrazioni dell’’addome e soprattutto dei muscoli interni della vagina, si impara a trattenere il flusso e a rilasciarlo più tardi.

Se il flusso è particolarmente intenso dubito possa essere fattibile. A detta della blogger, prima di essere completamente libere, bisogna effettuare degli esercizi e allenarsi per qualche mese, prima di essere completamente efficienti!

Lo scopo di questa campagna è quello di sensibilizzare le donne a prendere coscienza del proprio corpo, ma soprattutto a cercare di risparmiare non solo per la propria tasca, ma soprattutto per l’ambiente.

Io rispetto tutti e accetto ogni idea e per quanto mi piaccia provare tutto, direi che in questa circostanza passo! E voi che dite?

Ciao Stelline alla prossima

Laura

Belle Stranezze: Applicare la protezione solare..in doccia

16 Agosto 2015

Belle Stranezze

Riprendo la rubrica Belle Stranezze per segnalarvi un altro modo alternativo per proteggersi dal sole. Avevo segnalato qualcosa di bizzarro qualche settimana fa, qui. Oggi, invece, il modo per quanto strano possa sembrare, sembra più ragionevole.

Si tratta di un detergente che funziona come protettore solare e si chiama Dr Russo sun protective Skincare Day Cleanser, un’innovazione di una clinica dermatologica londinese. Come un normale detergente, si usa uniformemente sulla pelle durante il lavaggio. Ha un fattore di protezione SPF 30 sia per raggi UBA e UVB  e contiene un principio attivo che rimane sulla pelle anche dopo il risciaquo. A quanto pare, è al momento in progetto anche il showergel. Al risciaquo, il cleanser lascia sulla pelle i residui di prodotto che appunto costituiscono la protezione.

Dr Russo sun protective Skincare Day Cleanser
Dr Russo sun protective Skincare Day Cleanser

Sarebbe davvero comodo, anche se mi vengono in mente davvero troppi dubbi e tante perplessità, funzionerà davvero? La protezione si deve riapplicare? Quanto durerà? Esistono rischi di macchie sulla pelle? E non oso immaginare, quanto questo possa bloccare i pori e quali conseguenze possa avere sulla pelle e soprattutto il costo!

Non vi nego che sono davvero curiosa soprattutto perchè risolverebbe tantissimi problemi di pigrizia, almeno per quanto mi riguarda.

Che ne dite?

Ciao Stelline, grazie come al solito per aver letto e vi auguro un sereno e avventuroso weekend di Ferragosto (Sappiate che qui in the UK non si festeggia!!!)

Alla prossima

Laura

Belle Stranezze: Come difendersi dal sole

8 Luglio 2015

wpid-wp-1430729726669.jpeg

Ormai con l’estate alle porte, tutti parlano di protezione solare, di come evitare insolazioni e proteggere la pelle al meglio. Oggi vi presento un modo alternativo per affrontare il problema e soprattutto quali strumenti vi possono aiutare ad ostacolarlo.

Strano o meno che possa sembrare eistono dei veri e propri gadgets per allertarvi.

Eccovene alcuni.

  • Un bracciale di carta vi indicherà quando dovete ri-applicare la crema solare e quando dovete ripararvi all’ombra. Il bracciale nuovo è di colore giallo e cambierà gradualmente colore. Quando diventa marrone, vi segnala quando di riapplicare la crema protettiva e quando diventa rosa vi urge di spostarvi all’ombra. Costa 4.99£ per 5 bracciali e lo trovate in vendita su Amazon Uk, qui.
  • Questo è invece un braccialetto, collegato ad una app, che misura i livelli di esposizione al sole. Quando i raggi UV diventano troppo intensi, vi invita a ripararvi all’ombra.
  • Esistono anche diverse app gratuite che informano sui livelli di raggi UV che possano avere ripercussioni sulla pelle. Tra queste vi segnalo SunWise UV Index, UV Index, Sun Timer, UV radiation now e molte altre sono disponibili sulle app store
  • Un orologio da polso vi dirà invece in quali momenti della giornata potete uscire o meno!

Stelline che dire, portiamo la tecnologia anche al mare.

Ciao alla prossima Stranezza

Laura

Belle Stranezze: Chi ha paura della doccia

11 Giugno 2015

wpid-wp-1430729726669.jpeg

Eccovi un’altra stranezza che però in questo caso di bello non ha molto direi.

Sapete che a Londra non c’è il bidè. Questo è un dato di fatto, una di quelle realtà che è difficile accettare e che veramente può influenzare negativamente la vita di una povera Italiana a Londra. Da quando sono qui, ho dovuto escogitare i sistemi più strani per lavarmi li’, o con un piccolo catino o con una bottiglia d’acqua. Questo non ha mai allontanato da me l’idea di non farmi la doccia, che nonostante il freddo o i costi, è una routine quotidiana. Voi direte “E meno male che ti lavi!”, ma non pensiate sia cosi ovvio per tutti e tutte.

A quanto pare esistono moltissime persone che decidono consciamente di lavarsi una volta ogni due o cinque giorni. La motivazione di solito è che non si ha tempo, troppi impegni tra famiglia, casa e lavoro. Altre sostengono invece che sia per non irritare/danneggiare la pelle ed evitare la rimozione dello strato superficiale di oli e sebo che, naturalmente, proteggono la pelle.

Tra queste, ci sono anche molte celebrities che seguono la stessa prassi. Un esempio: Julia Roberts, cha addirittura pare non usi neppure il deodorante. A detta sua, ama l’odore che profuga dalla sua pelle e ama risparmiare acqua!

Come lei ce ne sono altre donne famose come Christina Aguilera, Courtney Cox, Megan fox, Camerron Diaz (se solo me le immagino nel tappeto rosso, tutte in tiro e con un odore in più, mi vengono i brividi!). Anche i giovanotti non sono da meno, ricordo qualche anno fa se ne diceva di Matthew McConaughey e ancora Orlando Bloom di Lord of the Rings, ma anche Russell Crowe.

Stelline che altro dire. Mi sa che ho detto tutto e questo si commenta da solo!

Ciao Stelline alla prossima Stranezza

Laura

Se vi interessa questo articolo vi può interessare anche

BELLE STRANEZZE